Montagna e rugby…un binomio perfetto!

Due realtà così differenti, ma se analizzate nello specifico, assolutamente simili. Il rugby è uno sport di sacrificio, in cui ogni centimetro te lo devi sudare, prendendo botte, subendo placcaggi e lottando con vigore e tenacia. Conquistare una montagna è una cosa decisamente simile, la fatica e lo sforzo per raggiungere la cima sono costanti e mettono a dura prova chi si cimenta in una “salita”. Ebbene, cos’hanno, oltre a tutto questo, di uguale il rugby e la montagna? Ma il dopo…se nel rugby esiste il Terzo Tempo, la conquista di una cima, significa un rifugio e il leitmotiv è, senza dubbio, la buona cucina. Così ecco un menù semplice, dettagliato e “montanaro”, che riprende le tradizioni montane di più regioni, come la Lombardia, il Trentino Alto Adige, il Piemonte e la Valle d’Aosta.

Cavolo Verza alla Tirolese
Ingredienti per 4 persone:
1 Kg. di cavolo verza
3 spicchi d’aglio
2 cipolle
3 cucchiai di olio d’oliva extravergine
100 gr. di burro
1 rametto di rosmarino
3 foglie di salvia
5 dl. di  brodo vegetale
1 pizzico di semi di finocchio
3 dl. di vino bianco
1 ciuffo di prezzemolo
sale e pepe

Preparazione:
Mondate la verza, staccatene le foglie, lavatele e sgocciolatele. Sbucciate le cipolle e affettatele a velo. Sbucciate l’aglio e tritatelo con le foglie di salvia e gli aghi di rosmarino lavati ed asciugati. Lavate il prezzemolo e sminuzzatelo.
Fate sciogliere il burro con l’olio in un capace tegame e unitevi il trito di aglio ed erbe con le cipolle. Quando queste ultime saranno ben appassite, aggiungete la verza a tagliata a listarelle e mescolate, lasciandola soffriggere per circa 10 mm.
Bagnate con il brodo e con il vino, quindi insaporite con i semi di finocchio pestati nel mortaio, un pizzico di sale e una macinata di pepe (più salutare per chi ci tiene, aggiungerlo in grani). Mescolate e fate cuocere a fuoco bassissimo e a recipiente coperto per circa un’ora.
Versate la preparazione in un piatto da portata, cospargetela con il prezzemolo tritato e servite (magari, accompagnato da un Lagrein Rosato del Trentino Alto Adige).

Cannelloni alla boscaiola
Ingredienti per 4 persone:
Pasta all’uovo fresca per circa 12 cannelloni
300g di funghi champignons
200g di ricotta fresca
olio extravergine di oliva
salsa di pomodoro
100g di salsiccia fresca
1 cipolla tritata finemente
1 spicchio di aglio
prezzemolo tritato
brodo vegetale
150g di mozzarella
sedano
parmigiano grattugiato

Preparazione:
lessate le sfoglie di pasta una alla volta in acqua salata; stendetela su dei canovacci puliti; in una padella fate un soffritto in 3 cucchiai di olio, di cipolla, aglio e carne di salsiccia che avrete tolto dalla pellicina; togliete l’aglio; aggiungete i funghi puliti e tagliati a fettine; fate cuocere 10 minuti, aggiungendo un po’ di brodo vegetale per non far seccare; spegnete i funghi e fate raffreddare un poco; intanto, fate in sugo per condire i cannelloni; in un pentolino mettete un po’ di cipolla tagliata finemente, con del sedano tagliato a pezzettini e la salsa di pomodoro; unite 1 cucchiaio di olio e fate cuocere 10 minuti a fiamma bassa; nella ciotola dei funghi aggiungete la ricotta e un poco di sale; mescolate bene; mettete il composto sulla sfoglia di pasta tagliata a quadri; arrotolate e ponete in una teglia imburrata; condite con il sugo di pomodoro salato a vostro gusto; aggiungete sopra la mozzarella tritata,il parmigiano e il prezzemolo; infornate a 180 gradi per 15 minuti; sono pronti quando si forma una crosticina in superficie.

Brasato di Manzo al Barolo
Ingredienti:
Kg. 1,500 di scamone di manzo (in alternativa di codone)
2 carote
1 grossa cipolla
2 coste di sedano
3 spicchi d’aglio
3 foglie d’alloro
4 foglie di salvia
1 rametto di rosmarino
2 chiodi di garofano (facoltativi)
Mezzo cucchiaino di pepe nero in grani
1 bicchierino di brandy
Farina
90 gr. burro
Una bottiglia di barolo
5 cucchiai di olio

Preparazione:
Tagliate a fettine sottili le verdure (carote, cipolla e sedano) e distribuitele sulla carne che avrete prima messo in una capace terrina, aggiungete poi gli aromi (aglio alloro, salvia, rosmarino, (i chiodi di garofano, sempre che piacciano) e pepe, versatevi sopra il barolo e lasciate marinare per 6-8 ore, rigirando di tanto in tanto la carne affinché resti ben bagnata di vino e ne assorba il profumo.

Quando sarà giunto il momento, togliete la carne dalla marinata, asciugatela con carta assorbente da cucina e infarinatela.

In una casseruola a fondo spesso e capiente, fate fondere il burro e appassire le verdure della marinata, precedentemente scolate, avendo cura di conservare il vino.

Una volta appassite le verdure aggiungete la carne e dopo averla rosolata da tutti i lati e sarà ben colorita, spruzzatela con un bicchierino di brandy che infiammerete non appena sarà bollente. Lasciate poi spegnere la fiamma spontaneamente.

Salate e aggiungete nella casseruola anche il vino, fate prendere il bollore, abbassate la fiamma, coprite e lasciate crogiolare la carne per circa 3 ore, girandola ogni tanto. A due terzi della cottura sgocciolate la carne e passate al setaccio la salsa e le verdure. Rimettete la carne nel recipiente e versatevi sopra il passato. Terminate la cottura. Servite il brasato bollente, tagliato a fette e irrorato con la salsa. Questo piatto tipico piemontese si abbina in modo ideale con la polenta.

Torcetti
Ingredienti per 25 torcetti circa:
250 gr di farina
125 gr di burro a pezzetti
60 ml di birra (60 gr circa)
2 cucchiai di zucchero semolato
Zucchero di Canna

Preparazione:
Io ho preparato l’impasto con il Kitchen..ma voi fatelo pure anche a mano….
Lavorate il burro con la farina, unite poi la birra e lo Zucchero semolato e avvolgete l’impasto nella pellicola. Mettetelo in frigo per mezz’oretta, così risulterà molto liscio e morbido, quasi vellutato. Passata la mezz’ora dividetelo a pezzetti, di 20 gr circa, fatene dei rotolini e rotolateli nello zucchero di canna. Disponeteli nella placca da forno, spruzzateli con dell’acqua ed infornate per 15 minuti a 200° circa, in forno statico, a metà altezza. Date un’altra spruzzatina e lasciateli ancora per 3-4 minuti, finche vedete che si colorano. Sfornate, lasciate raffreddare e servite con marmellata ai frutti di bosco e panna.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...